I Nitrati nello Sport da Combattimento

I Nitrati nello Sport da Combattimento

Nel vasto mondo dell’integrazione stanno suscitando sempre più interesse negli ultimi anni i nitrati provenienti dalla barbabietola rossa, per i loro effetti ergogenici anche nel contesto degli sport da combattimento, effetti determinati dalla loro conversione in nitriti e successivamente in ossido nitrico attraverso diversi percorsi biologici.

Effetti dell’ossido nitrico sul muscolo

L’ossido nitrico rappresenta una vera e propria molecola di segnalazione che svolge numerose funzioni nell’organismo. Tra le più importanti, a livello muscolare, troviamo la capacità di indurre vasodilatazione, che si traduce in un aumento della disponibilità di ossigeno e nutrienti per il muscolo; esso inoltre determina sia un aumento della concentrazione di calcio all’interno della cellula muscolare, sia un incremento della sensibilità dei miofilamenti al calcio stesso, con conseguente un miglioramento delle proprietà contrattili del muscolo. La sua attività è inoltre correlata ad un incremento dell’efficienza dell’utilizzo di ATP durante l’esercizio e ad una riduzione dell’accumulo dei metaboliti responsabili della fatica.                                      

Aspetti metabolici nello Sport da Combattimento

Negli sport da combattimento sono richiesti contributi significativi sia da parte dei sistemi energetici ossidativi che non ossidativi. A tal proposito, gli studi di Campos et al. hanno sottolineato che il metabolismo ossidativo rappresenta circa il 66% della produzione di energia durante una simulazione di combattimento di taekwondo. Pertanto, l’aumento della capacità ossidativa risulta fondamentale per ottenere performance ottimali, in quanto permettono all’atleta di recuperare in maniera più efficiente tra le azioni ad alta e a bassa intensità. Poiché si ritiene che l’integrazione di barbabietola rossa possa aumentare l’apporto di ossigeno e substrati al muscolo, ritardare l’affaticamento ed aumentare la tolleranza all’esercizio, è possibile che possa avere un impatto significativo in questo ambito.

L’aumento della velocità di resintesi della fosfocreatina determinata dai nitrati sembra essere direttamente correlata al miglioramento della microvascolarizzazione del muscolo, con conseguente beneficio in termini di performance su sforzi ripetuti ad alta intensità la cui durata è vicina a 6-10 s. L’integrazione di nitrati sembra essere più efficace nelle fibre di tipo 2 rispetto alle fibre di tipo 1, con possibilità di incremento della forza mediante meccanismi che comportano una maggiore velocità di accorciamento muscolare e miglioramento del sistema eccitazione/contrazione del muscolo. Nonostante i nitrati comportino un beneficio sulla fosforilazione ossidativa, essi sembrano non avere alcuna efficacia sul metabolismo glicolitico, in quanto non porta ad un miglioramento dell’acidosi: il principale fattore che limita la prestazione negli sforzi della durata di 30/60 secondi. Detto questo, l’integrazione di succo di barbabietola può avere un effetto ergogenico quando si parla di sforzi fisici intermittenti, di massima intensità, di una durata che va dai 6 ai 10 secondi e intervallati da brevi periodi di riposo inferiori ai 30 secondi.

Equilibrio e stabilità

L’equilibrio e la stabilità sono aspetti fondamentali nelle prestazioni da sport da combattimento, sia sotto l’aspetto della performance sportiva che di prevenzione dagli infortuni. Alcuni studi hanno dimostrato che l’integrazione di barbabietola rossa migliora l’equilibrio statico e dinamico a riposo e anche dopo uno stimolo affaticante. Benefici che sono associati ad un miglioramento dell’input afferente, alla riduzione del ritardo nel tempo di reazione, ad un aumento della acuità propriocettiva, andando ad agire, inoltre, in maniera positiva sulla corteccia visiva. La fatica muscolare è un concetto molto complesso e coinvolge una moltitudine di fattori che agiscono a livello cellulare: comporta un incremento di lattato e di ioni H+, K+ e P; compromette l’utilizzo di ATP, riduce il Ph e la disponibilità di ossigeno. Queste sostanze non agiscono solo sotto l’aspetto metabolico ma vanno ad influenzare anche le vie neurologiche, compromettendo le proprietà cinestetiche delle articolazioni.  Pertanto, l’aumento del flusso sanguigno a livello centrale causato dall’integrazione di nitrati, può svolgere un ruolo importante nel ridurre la percezione della fatica dovuta ad intenso sforzo fisico e migliorare le componenti prestazionali legate all’equilibrio nell’atleta da combattimento.

Recupero della forza muscolare

Per quanto riguarda l’aspetto del recupero della forza muscolare, l’integrazione di nitrati, anche in singola dose, può essere un’efficacie strategia negli sport da combattimento, soprattutto in discipline come il jiu-jitsu e il judo che richiedono un’elevata produzione di forza nell’avambraccio per immobilizzare l’avversario durante il combattimento. Diversi studi hanno valutato la forza massima della presa isometrica prima e dopo gli incontri, ed è stato riscontrato un calo significativo della forza dell’avambraccio in questi atleti dovuta ad un affaticamento muscolare in seguito all’accumulo di lattato. In questo caso l’integrazione di nitrati ha attenuato il declino della forza muscolare dell’avambraccio attraverso la modulazione del Ca2+ a livello del reticolo sarcoplasmatico mediata dall’ossido nitrico, con conseguente miglioramento della forza. Detto questo, vi sono risultati contrastanti sugli effetti dell’integrazione di barbabietola rossa correlati alla forza isometrica ed isotonica, nello specifico il beneficio dei nitrati può essere associato al tipo di contrazione muscolare e al tipo di fibra muscolare sollecitata, in particolare le fibre a contrazione rapida aventi altra concentrazione di miosina sembrano avere il maggiore beneficio, soprattutto in termini di gestione del calcio intracellulare. Un aspetto importante da sottolineare è che i miglioramenti osservati in seguito all’integrazione di nitrati sono da imputare principalmente ad un aumento della biodisponibilità dell’ossido nitrico, che può indurre vasodilatazione e quindi migliorare l’apporto di ossigeno e nutrienti al muscolo scheletrico. Tuttavia, i programmi ad alta intensità a cui sono sottoposti gli atleti da combattimento possono indurre adattamenti fisiologici che portano ad un amento del diametro delle arterie, riducendo così l’azione dell’ossido nitrico sulla vasodilatazione durante l’esercizio.

Dosaggi e tempi di assunzione

Secondo alcuni studi, la somministrazione in dose singola di succo di barbabietola nell’arco di pochi giorni sarebbe in grado di migliorare le prestazioni negli sforzi fisici intermittenti ad alta intensità con brevi periodi di riposo. La dose necessaria per un effetto significativo rimane poco chiara, poiché alcuni risultati hanno utilizzato dosi acute di 12 mmol di nitrato e altri hanno applicato dosi più piccole (fino a 6 mmol/die). La dichiarazione di consenso del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) suggerisce che un protocollo di dosaggio efficace prevede l’ingestione acuta di succo di barbabietola in un intervallo compreso tra 5 e 9 mmol (310-560 mg) nella dieta, 2-3 ore prima dell’esercizio, dosaggi più bassi generalmente non mostrano effetti benefici sulle prestazioni.

Conclusioni

In conclusione, l’ integrazione di nitrati potrebbe essere una strategia efficacie per gli atleti di sport da combattimento per migliorare vari aspetti prestazionali legati, in particolare, al miglioramento del metabolismo ossidativo e alla produzione di forza muscolare durante esercizi isometrici ed isocinetici. Aspetto che risulta di grande importanza soprattutto in quelle discipline che comprendono il grappling. La discrepanza presente tra i vari studi è legata principalmente alla variabilità genetica individuale, alla scarsità di studi effettuati sulle atlete sesso femminile, agli effetti dell’allenamento sugli adattamenti muscolari, e ai regimi di dosaggio. Risulta infatti necessario un maggiore volume di studi per chiarire gli impatti di differenti regimi di dosaggio in varie modalità di esercizio.

Bibliografia

  • Hamid Arazi, Ehsan Eghbali   Possible Effects of Beetroot Supplementation on Physical Performance Through Metabolic, Neuroendocrine, and Antioxidant Mechanisms: A Narrative Review of the Literature  Front. Nutr. 2021 May 13:8:660150 doi: 10.3389/fnut.2021.660150 eCollection 2021.
  • Ravi A Kumar, Rachel C Kelley, Dongwoo Hahn, Leonardo F Ferreira   Dietary Nitrate Enhances the Contractile Properties of Human Skeletal Muscle  J Phisiol. 2020 Oct;598(19):4357-4369. doi: 10.1113/JP280027. Epub 2020 Aug. 16.
  • Slaheddine Delleli, Ibrahim Ouergui, Hamdi Messaoudi, Khaled Trabelsi, Jordan M Glenn, Achraf Ammar, Hamdi Chtourou   Does Beetroot Supplementation Improve Performance in Combat Sports Athletes? A Systematic Review of Randomized Controlled Trials   Nutrients. 2023 Jan 12;15(2):398. Doi: 10.3390/nu15020398.
  • Raùl Domìnguez, Josè Luis Matè-Munoz, Eduardo Cuenca, Pablo Garcìa-Fernàndez, Fernando Mata-Ordonez, Marìa Carmen Lozano-Estevan, Pablo Veiga-Herreros Sandro Fernandes da Silva, Manuel Vicente Garnacho-Castano   Effects of beetroot juice supplementation on intermittent high-intensity exercise efforts   J Int Soc Sport Nutr.  2018 Jan 5:15:2. Doi: 10.1186/s12970-017-0204-9   eCollections 2018.
  • Ali Tatlici, Yavuz Lima, Sercan Yilmaz, Abdulkadir Ekin, Sedat Okut, Ebru Ceviz  The Effects of Beetroot Juice Supplementation on Balance Performance of Wrestlers     Pakistan Journal of Medical & Health Sciences.
  • Kate A Wickham, Lawrence L Spriet      No longer beeting around the bush: a review of potential sex differences with dietary nitrate supplementation    Appl Physiol Nutr Metab. 2019 Sep;44(9):915-924. doi: 10.1139/apnm-2019-0063.   Epub 2019 Jul 26.
  • Gustavo Vieira de Oliveira, Luiz Alberto Diniz do Nascimento, Monica Volino-Souza, Otavio do Couto Vellozo, Thiago Silveira Alvares    A single oral dose of beetroot-based gel does not improve muscle oxygenation parameters, but speeds up handgrip isometric strength recovery in recreational combat sports athletes    Biol Sport. 2020 Mar;37(1):93-99. doi: 10.5114/biolsport.2020.92518. Epub 2020 Jan 30.
  • Ali Tatlici, Oktay Cakmakci    The effects of acute dietary nitrate supplementation on anaerobic power of elite boxers.  Department of Phisical Education and Sport Teacher, Faculty of Sport Sciences, Selçuk University, Konya, Turkey
  • Foto: Freepik.com